C. Angelini · Il piacere della memoria · I suoi libri · Riletture · Ritratti fotografici · Documenti video e audio · Carteggi e biblioteca 

         
CESARE ANGELINI  (Albuzzano 1886, Pavia 1976),
sacerdote e letterato


a cura di Fabio Maggi - email: info@cesareangelini.it

Scrittore e critico lombardo, è finissimo descrittore di paesaggi, evocatore di stati d’animo d’una religiosità resa idillica da una contemplazione assidua e meravigliata della natura. Il suo interesse e la validità di scrittore consistono nell’eleganza sottile e precisa del suo stile, nella sua parola ammorbidita e pure intensa, nella grazia con cui sa precisare sentimenti, notazioni d’ambiente e di paese estremamente labili e ardui a essere fissati senza che se ne perda il delicato sapore. Angelini è pure critico acuto e sicuro, di un gusto attento e vivace e le sue opere sul Manzoni e su alcuni poeti del Novecento hanno un importante posto nella critica letteraria contemporanea.

Giorgio Bàrberi Squarotti [dal Grande dizionario enciclopedico, Utet]

Nell’Opera angeliniana, accanto all’assidua e amorosa lettura del Manzoni (con Capitoli sul Manzoni vecchi e nuovi, Mondadori, nel 1968 vince Il premio della Critica “Emilio Cecchi”), si collocano studi riguardanti Leopardi, Foscolo e Monti, e alcuni autori del ’900. Partecipa alle riviste “La Romagna”, “La Voce” di De Robertis, “Il Convegno”, “La Festa”, “La Fiera Letteraria”, “Pègaso”, “Pan”, “Nuova Antologia”. Fonda e dirige la rivista letteraria “Saggi di Umanismo Cristiano” (1946-1955), edita dall’Almo Collegio Borromeo di Pavia. Firma elzeviri per “Il Popolo Veneto”, “La Gazzetta del Popolo”, “Il Resto del Carlino” e il “Corriere della Sera”. Tra gli scritti religiosi, la cura, per Einaudi, dei Vangeli, degli Atti degli Apostoli, dell’Apocalisse, e del Cantico dei Cantici.

(Copertina, Cesare Angelini in una fotografia di Luisa Bianchi.)


Il sito internet, Contatti
···
Private Policy



 
site search by freefind
    

   Ultime
   pubblicazioni   



    
Accedi
all’Archivio 
del
Novecento
“Cesare Angelini”